Stati Uniti: la singolare vicenda accaduta in uno zoo

MAMMA-GORILLA SALVA UN BIMBO

Era caduto nella gabbia: cullato e protetto dagli altri animali

 

 

Washington - Forse ha scambiato il bambino per un piccolo gorilla, forse ha obbedito ad un istinto più forte di lei, fatto sta che “Binti”, una femmina di gorilla di sette anni, con un cucciolo di due attaccato alla schiena, ha salvato un bambino di tre anni caduto nel recinto del gorilla.

Lo ha raccolto delicatamente, cullato e abbracciato proprio come una mamma. Lo ha difeso dalla curiosità e dalle braccia enormi degli altri gorilla maschi. E infine lo ha affidato agli infermieri che si erano mostrati all’ingresso del recinto.

Sono stati momenti drammatici, per quanti hanno osservato la scena dall’alto del recinto, in cima a un muro alto cinque metri e protetto da un’inferriata alta più di un metro.

Nessuno si è accorto del bambino che, sfuggito alla mano della madre, saltava eccitato davanti all’inferriata. E nessuno sa dire come abbia potuto, all’improvviso, riuscire a scavalcarla. Ma tutti hanno sentito il grido di paura del piccolo mentre cadeva, e lo hanno visto sanguinante in mezzo al recinto mentre un gruppo di gorilla, pesanti due quintali l’uno, si avvicinavano per prenderlo.

Poi è entrata in azione “Binti”. Si è lanciata sul bambino, l’ha protetto con il suo corpo. Poi l’ha preso in braccio con un gesto incredibilmente umano. E ha cominciato a cullarlo, lentamente, attenta a non toccare la brutta ferita alla testa.

“Ho visto un altro gorilla allungare la mano sul bambino – racconta Carrie Stewart, una signora che era proprio davanti al recinto – e allora lei è scappata in un angolo, e non ha più fatto avvicinare nessuno finché non sono venuti i guardiani”.

Binti”, ha spiegato poi la portavoce dello zoo, è stata allevata in cattività, ed ha sempre avuto un rapporto di particolare affetto con gli esseri umani. Purtroppo il meraviglioso gesto della mamma gorilla non è bastato a mettere fuori pericolo il bambino: grazie a lei i soccorsi sono stati immediati, ma il piccolo è ancora ricoverato in condizioni critiche all’ospedale.

 

 

(da Bresciaoggi)